14 1 4000 1 https://iolavoroincorso.fitstic.it 250

Alla scoperta del marchio Art Book Stories

Vi state chiedendo come viene realizzato un marchio? La risposta ve la diamo noi!

Innanzitutto abbiamo incontrato il committente che ci ha fornito informazioni riguardanti il progetto. Queste sono state scremate, poi ci siamo focalizzati su valori, parole chiave e concetti per proseguire con la stesura del brief. In seguito abbiamo svolto un’analisi benchmark per evidenziare sotto l’aspetto grafico punti di forza e di debolezza.

Alla fase analitica è susseguita quella di brainstorming, ovvero una tecnica creativa per far emergere le idee del gruppo. I concetti fondamentali a cui ci si è ispirati sono la creatività e la vivacità, la libertà di espressione, il confronto tra le persone e le differenti culture, la diversità tra esse che diventa punto di incontro e di unione, e per ultimo, ma non meno importante, il concetto di network.

Ognuno di noi ha realizzato bozze grafiche del marchio secondo il proprio stile e la propria idea. Queste sono state revisionate dal referente che ci ha suggerito alcune modifiche. Dall’insieme di queste proposte ne abbiamo selezionate tre, le quali sono state presentate al committente. Una tra queste è stata poi preferita alle altre; quindi ci siamo concentrati su di essa, modificandola ed evolvendola per renderla più chiara e adatta al progetto.

La proposta scelta raffigura tre semplici forme che richiamano l’idea del libro, riposte una sopra l’altra in modo non lineare. I libri hanno colori differenti per trasmettere valori come vivacità, creatività e unicità del progetto. Al loro interno sono comprese tre parole, ovvero il nome del progetto: “Art Book Stories”.

Questi concetti uniti tra loro vanno a raffigurare tutto ciò che è racchiuso all’interno dell’editoria indipendente e del libro d’artista. Cos’è il libro d’artista? Un’opera artistica realizzata sotto forma di libro, spesso pubblicato come edizione numerata a tiratura limitata, sebbene a volte sia prodotto come oggetto unico.

La terza forma include uno sbaffo sulla sinistra, ciò per ricordare le chat balloon, le conversazioni e i dialoghi tra le persone, il raccontarsi delle storie, comunicare e trasmettere informazioni e significato d’origine del progetto.

Dopo le varie modifiche la proposta è stata riconfermata dal committente che ci ha dato il via libera per proseguire con la progettazione del materiale grafico.

Ci auguriamo che questo articolo sia stato di vostro gradimento e che in futuro possiate anche voi realizzare al meglio un marchio!

Marika Bertusi

Condividi:
Categoria:News
Post Precedente
+1000 Millard – l’arte degli schizzi
Post Successivo
Un assaggio di Libros Mutantes

0 Commento

Lascia una risposta