14 1 4000 1 https://iolavoroincorso.fitstic.it 250

Un assaggio di Libros Mutantes

Dopo averne parlato per diversi mesi e dopo aver organizzato tutto nei minimi dettagli, siamo finalmente partiti per Madrid, tappa fondamentale per lo svolgimento del nostro project work sul settore dell’editoria indipendente, una realtà che, pur essendo di nicchia, può vantare un buon numero di appassionati in tutto il mondo.

Il 19 aprile arriviamo a destinazione a notte inoltrata. Il viaggio, non è stato particolarmente rilassante, anzi, dopo le ultime tratte in metro la stanchezza era palpabile, ma non appena abbiamo raggiunto piazza Puerta del Sol l’entusiasmo ci ha ricaricato. Il nostro hotel si affacciava sulla piazza, così, subito dopo un rapido check-in, siamo andati a farci una bella cena di mezzanotte in perfetto stile spagnolo. Il giorno seguente ci siamo svegliati riposati ed eccitati all’idea della giornata che ci attendeva; finalmente era arrivato il momento di realizzare ciò per cui ci eravamo preparati nei mesi precedenti e di mettere in pratica alcune delle capacità apprese durante la frequentazione delle lezioni.

Raggiungiamo quindi la Casa Encendida, un palazzo spazioso e illuminato da molte finestre, all’interno del quale si teneva “Libros Mutantes”, uno dei festival più importanti in Europa sul settore dell’editoria indipendente. Al suo interno, dal piano terra fino all’attico, vi era una moltitudine di spazi espositivi in cui scrittori, artisti ed editori proponevano la propria visione artistica, attraverso libri che venivano intesi come vere e proprie opere d’arte. Il nostro scopo era quello di intervistare i protagonisti della fiera, tra cui gli organizzatori e alcuni tra i vari espositori di fama internazionale. Nelle pause tra le varie riprese abbiamo avuto modo di osservare da vicino l’affascinante e variopinta realtà della fiera in cui ogni artista è unico ed esprime la propria diversità, accomunandosi agli altri per la ricerca di libertà d’espressione.

La giornata è stata lunga e i compiti erano tanti ma, grazie ad un’efficiente divisione in gruppi di lavoro organizzati, siamo riusciti a ottenere il materiale che ci serviva. Così ce ne siamo tornati in hotel, stanchi ma molto soddisfatti.

Dopo aver svolto il lavoro, la seconda sera l’abbiamo passata liberi da qualunque orario o preoccupazione e tra chi è andato a visitare la città, chi a bere in giro per locali e chi dopo cena è andato dritto a letto, abbiamo certamente trascorso del tempo piacevole.

La mattina del 21 siamo ripartiti portandoci dietro una bellissima esperienza sia di viaggio che di lavoro; oltre a diverse ore di filmati da analizzare e selezionare con cura meticolosa. E tutto questo solo dopo la prima tappa del nostro percorso.

Jeremy Bandini

Condividi:
Categoria:News
Post Precedente
Alla scoperta del marchio Art Book Stories
Post Successivo
La conferenza stampa di Fruit Exhibition

0 Commento

Lascia una risposta